Tentarono di pilotare concorso all'Unime, condannati ex rettore e professori



node comment

PNASRGLun, 16/10/2017 - 01:09 October 16, 2017

I reati gravi non sono solo gli omicidi, sono anche quelli che si commettono quando si ruba un posto di lavoro ad una persona più meritevole. Nel caso specifico vi è un danno d'immagine all'ateneo che già non gode di buona fama soprattutto per il perpetuarsi di casi simili. Il danno maggiore è verso il mondo degli studenti che si trovano insegnanti che eccellono per ignoranza stante la piaga del nepotismo che contraddistingue il settore universitario. Concludo che tutto si esaurisca con una sanzione amministrativa ha l'aria di una beffa. Questa gente va messa alla porta senza se e senza ma.
giovanninoVen, 13/10/2017 - 09:51 October 13, 2017

SE DOBBIAMO ESSERE PRECISI NON CI DOVREMMO FERMARE A QUESTO CONCORSO, MA ALTRI. MARCELLO MARCHESI ERA BRAVISSIMO NEL TROVARE DETTI CHE ORMAI SONO PASSATI ALLA STORIA DELLA TELEVISIONE E DELLA SOCIETA': LEI SI CHE SE NE INTENDE. ORA DOVREBBE DIRE L'ITALIA SI CHE SE NE INTENDE. MAGARI RIFARE I CONCORSI PER VALUTARE, SPECIE SE I LORO PROTETTORI SONO MORTI, E VEDERE SE ANCORA MERITANO IL POSTO RUBATO AD ALTRI.
giovanninoGio, 12/10/2017 - 19:07 October 12, 2017

ANCHE PER QUESTO QUI AL NORD L'UNIVERSITA' DI MESSINA NON HA PIU' QUELLA CONSIDERAZIONE E RISPETTO CHE GODEVA NEGLI ANNI D'ORO DELLA CITTA'.
antosailGio, 12/10/2017 - 18:53 October 12, 2017

Il problema reale è che nessuno di quei prof perderà il posto.Saranno al 100% tutti nei loro magnifici studi universitari ,spesso più inaccessibili di una banca. Continueranno a fare il bello ed il cattivo tempo a veterinaria..
SaltaLaMacchiaGio, 12/10/2017 - 17:02 October 12, 2017

Ma che luminari!