Verso le Politiche

Quote rosa usate per eleggere uomini. Un manifesto delle messinesi indignate



Commenti

node comment

Arcistufo2.0Lun, 05/02/2018 - 08:11 February 05, 2018

Questa non è politica è esercizio del potere. Si potrà continuare a discutere all'infinito. Fino a quando saranno votate le stesse persone e partiti nulla cambierà. Perché dovrebbe d'altronde? L'indignazione andrebbe rigirata ad un corpo elettorale svogliato disattento e complice.
maleducatoDom, 04/02/2018 - 18:37 February 04, 2018

Tutto straordinariamente vero e scritto proprio bene. Donna Sarina, che ci vuoi fare. Ho scritto da tempo che è mia opinione che questa classe politica è più fascista di mussolini & co. noi non contiamo più nulla ... ma forse siamo ancora in tempo a dar loro una bella spallata. Dato che è ormai assolutamente certo che dovremo votare col naso tappato, facciamolo CONTRO il sistema. M5S a più non posso. Forse non salveremo l'Italia ma avremo dato un bel calcio nel sedere a questi impresentabili mentitori, traditori del popolo.
Ritratto di Carlo Cucinotta
Carlo CucinottaDom, 04/02/2018 - 14:57 February 04, 2018

NO, cara Rosaria, questa volta non concordo nel merito. La candidatura della Boschi a Messina non serve ne agli uomini ne al PD: è un errore e basta ! Quindi se è basata sull'esperieza locale la tua corretta indignazione è mal risposta. Allora facciamo tutti, non solo le donne (perchè così anche questo può diventare un ghetto)una battaglia perchè sia reso obbligatorio il voto di "genere" ( dove vi sono le preferenze) che Crocetta ha cancellato (vedi le regionali) e la quota sia del 50% per ogni genere, con l'obbligo di mantenere tale limite per i capilista ove non sia prevista la preferenza.
peppe78itDom, 04/02/2018 - 11:20 February 04, 2018

Ha dimenticato oppure omesso che nel m5s a Messina il secondo posto in lista è di Angela Raffa, subito dopo Villarosa e se dovesse essere confermato il risultato del 2013, sarebbe eletta. E che se d'uva dovesse risultare vincente nell'uninominale di Messina ci sarebbe posto per Antonella Papiro di Capo d'Orlando. Che siano 91 o 12 i click con i quali sono stati scelti dagli attivisti, sono sempre 91 o 12 volte meglio rispetto ai "metodi tradizionali". Se La Brancato desidera proporre un metodo migliore per il criterio selettivo, lo esponga, almeno per capire come è cosa intende per criterio selettivo.