Messina, Atm condannata: confermò tutti gli autisti interinali tranne uno



node comment

Fabiuccio86Ven, 20/10/2017 - 15:48 October 20, 2017

Io sono curioso di sapere perché per tutte e due le volte che c'è stata la possibilità di un contratto a tempo determinato con atm il mio curriculum vitae è stato messo da parte. A vero mio padre è un semplice operaio e non ha rappresenti con tutti quei signori politici che riscaldano le sedie
eclips3Mar, 17/10/2017 - 11:18 October 17, 2017

Ma poi vogliamo parlare della 'clausola sociale' (che vale per l'ATM come per qualsiasi altro ente)? Spacciato per dovere morale, dietro questi due termini, si stagliano due concetti fortemente in contrasto: 1) quel che si vede: i lavoratori già dentro, a prescindere, vengono tutelati da continue proroghe, si sindacalizzano e creano muro fino alla stabilizzazione (quando erano entrati con contratti di 6-12 mesi), anche de facto; 2) quel che NON si vede: centinaia, se non migliaia, di persone, vengono escluse, A PRIORI, dalla possibilità di lavorare - anche di migliorare, se vogliamo, il proprio CV, con una nuova esperienza - per il semplice fatto di non essere rientrati nel primo giro di giostra. Insomma, chi tardi arriva, NON alloggia.
Simona82Mar, 17/10/2017 - 10:50 October 17, 2017

L ignoranza e l invidia fa parlare a messina. E anche l arroganza evidentemente, visto che chi parla presuppone di essere più giusto di un giudice senza sapere come stanno le cose.
MessineseAttentaMar, 17/10/2017 - 10:36 October 17, 2017

Ormai, i dipendenti a tempo determinato pretendono la stabilizzazione, vedasi contrattisti e vigili precari. Di questo passo, un idraulico, che ha cambiato un rubinetto a Palazzo Zanca, o un elettricista, che ha cambiato una lampadina al Satellite, pretenderà la stabilizzazione. Ovviamente, con l'appoggio della Crocè e di Risitano.
stufyMar, 17/10/2017 - 09:20 October 17, 2017

In conclusione la meritocrazia è inutile, la competenza è inutile. Uno che probabilmente ha dimostrato di non fare o non saper fare il suo lavoro che IN UN SOLO ANNO ha preso ben DUE RICHIAMI. Ora io mi chiedo chi, nella propria vita lavorativa ha preso due richiami, dallo stesso datore di lavoro in un solo anno. Vergogna alla giustizia ingiusta, che premia l'insufficienza e autorizza di fatto la mediocrità. Fosse mio collega, io non ce lo vorrei.
Umbertox1986Mar, 17/10/2017 - 11:25 October 17, 2017

L'autista in questione è un professionista che per oltre 10 anni ha operato nel settore dei trasporti (turismo internazionale) in tutta Europa. A lui gli venivano affidati mezzi di mezzo milione di euro (non quei catorci dell'atm) e non ha mai preso alcun richiamo disciplinare, lo studio legale al quale si è appoggiata ATM ha volutamente creato dei "falsi richiami disciplinari", che non hanno avuto riscontro agli atti e sono stati definiti dallo stesso "un errore" per non incorrere in procedimenti penali e quindi tutelarsi. Quindi non dite sciocchezze su una persona che non conoscete neanche. Non potete immaginare l'ambiente all'interno di quest'azienda, nella quale parlare di mafia non è un eufemismo.