Da New York al MuMe, Daniel Weiss: “Un museo inaspettato ed eccezionale”