la riflessione

Il Primo Maggio di una Messina all'anno zero che non ha più tempo da perdere