Teatro Vittorio Emanuele

Carmen. Amore e morte



Commenti

node comment

Ritratto di Pinty
PintyDom, 11/02/2018 - 10:23 February 11, 2018

3/3 il coro composto da pochi elementi rispetto a quelli che la Carmen richiede aveva anche problemi di intonazione - in particolare il coro maschile nel primo atto - e non ha sicuramente brillato come invece normalmente il coro del cilea fa. Apprezzabile il coro delle voci bianche - al di la' della normale simpatia ed allegria dei cori di bambini - i quali sembravano gli unici entusiasti di stare sul palco e gli unici che avevano studiato e maturato bene la parte. Le voci erano apprezzabili. Brava la Chiuri nel ruolo di Carmen, il tenore voce ancora acerba ma comunque piacevole. Carmen e' un'opera ambiziosa, che necessita di masse e di un impegno e prove non comuni. Forse il Teatro ha azzardato troppo.
Ritratto di Pinty
PintyDom, 11/02/2018 - 10:12 February 11, 2018

2/3 La parte musicale non era diversa. Mancava una lettura organica della partitura. L'impressione era di una prima lettura, di note buttate quasi tutte sul mezzo forte, e non di una interpretazione studiata ed approfondita. Sembrava che fossero stare effettuate pochissime prove. L'orchestra, al di la' degli apprezzabili soli delle prime parti nel settore dei legni, aveva a volte seri problemi di intonazione nelle file degli archi in particolar modo e nell'insieme tra le parti, mancava di amalgama. L'orchestra copriva i cantanti, vuoi perche' non dotati di voci potenti -Carmen non venivea coperta - vuoi perché tutto sempre suonato sul mezzo forte.
Ritratto di Pinty
PintyDom, 11/02/2018 - 10:01 February 11, 2018

Non solo voci. L'opera non e' solo le voci. E' teatro, dramma, musica. Purtroppo in questa Carmen mancava tutto cio'. La regià era di fatto inesistente, movimenti delle masse, dei personaggi, i dialoghi parlati ridotti al minimo indispensabile. Non vi era alcuna idea o filo conduttore che guidasse l'intera rappresentazione. Anche i costumi forse dettati da una politica low cost, non avevano un comune denominatore e la pochezza delle scene, comune in tutti i teatri ormai, doveva essere colmata con le luci, che invero, statiche e poco curate. Mancava, di fatto, un'idea registica. Sembrava una rappresentazione fatta perche' si doveva fare ma senza nulla dietro. La parte musicale non era divera. Mancava una lettura organica dell'opera